18082015-p1260563

I NOSTRI PROGETTI

Area sanitaria: la salute dei più deboli

RIDUZIONE DEI FEES PER I BAMBINI E MAMME: nel 2017 è in avvio un Progetto di riduzione delle quote di accesso ai servizi sanitari (visite ambulatoriali e ricovero) per bambini fino ai 5 anni e per le donne in gravidanza, al fine di garantire l’accesso alle cure da parte di una sempre più ampia parte della popolazione locale.  Aderendo a questo progetto sarà possibile garantire ad un bimbo il ricovero con gli esami e il trattamento completo con una donazione di 4 Euro oppure una visita ambulatoriale con il trattamento completo con soli 2 euro. Con soli 5 euro si potrà invece donare un parto sicuro ad una mamma.

PRIMARY HEALTH CARE E OUTREACH PROGRAM: Già dal 2015 è stato avviato, in accordo con le Autorità governative, l’ “Outreach Program” con le attività di Primary Health Care presso i villaggi limitrofi all’Health Center ma ancora distanti da Kyatiri. Tale programma, al momento effettuato 2 giorni al mese, permette di vaccinare bambini che altrimenti non verrebbero portati al Dispensario, e di effettuare servizio di counselling a favore delle donne incinte e delle mamme. Di primaria importanza è infatti la necessità di convincere le  madri a partorire presso gli Ospedali, dove presenti, o presso gli Health Center, per ridurre il più possibile la terribile piaga delle morti ostetriche e perinatali. Il Programma è routinariamente effettuato dalle Ostetriche/Infermiere in servizio presso il Dispensario, affiancate da Medici e Sanitari Volontari dell’Associazione quando presenti.

ANTE-NATAL CLINIC: ogni lunedì mamme in gravidanza vengono visitate dalle ostetriche dell’Health Center, dalle prime settimane  fino agli ultimi giorni di gravidanza, al fine di individuare eventuali gravidanze problematiche da inviare all’ospedale più vicino per la salvezza della mamma e del bimbo. Inoltre durante questa giornata vengono somministrate anche le vaccinazioni ai nuovi nati che, insieme alle mamme, tornano per le visite di controllo dei primi mesi. Negli ultimi due anni è stato possibile incrementare il numero di bimbi sottoposti a vaccinazione dopo la nascita anche grazie agli amici della Atalanta (progetto neonati atalantini).

PREVENZIONE E CURA DELLA MALARIA: Ogni anno in Uganda muoiono tra le 70mila e le 100mila persone per malaria. I più colpiti sono i bambini sotto i 5 anni, per la fragilità del loro sistema immunitario. La malaria infatti, dopo le polmoniti e la diarrea, è la terza causa di morte sotto i 5 anni di età. Poiché il vaccino non è ancora disponibile, lo strumento di prevenzione più efficace resta l’utilizzo di mezzi di “barriera”, che in quei contesti sono dati dalle zanzariere trattate con insetticidi naturali a lunga durata.

Vuoi contribuire ai Progetti Sanitari?

  • Donando 20 euro garantirai il ricovero con gli esami e la terapia  a 5 bimbi
  • Donando 25 euro garantirai il parto sicuro a 5 mamme
  • Donando 25 euro garantirai la protezione dalla malaria a 5 bambini, dando a ciascuno di loro una zanzariera trattata.

Dona ora inserendo nella causale, se desideri, a chi è destinato il tuo prezioso aiuto!

UBI Banca – Filiale di Treviglio (BG), Viale Filagno, 11
IBAN: IT59X0311153640000000005849

Non c’è salute senza istruzione: LE SPONSORSHIP

P.A.C.E. Onlus ha dato vita ad un progetto di sostegno a distanza che si concretizza in un contributo economico annuale con il quale provvedere alla frequenza scolastica dei ragazzi più poveri.

Perché provvedere alla frequenza scolastica in Uganda?

Tra i diritti sanciti dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani proclamata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite occupa un posto prioritario il diritto di ogni bambino all’istruzione.

Tuttavia sono ancora moltissimi i bambini che non hanno accesso all’educazione di base.  Le cause principali di questa esclusione dalla scuola sono la povertà e la conseguente marginalizzazione: i bambini che non sono in grado di accedere ad una educazione scolastica provengono da famiglie molto povere che non possono sostenere le spese necessarie per la scolarizzazione dei propri figli. Il “prezzo” della scuola rappresenta quindi la barriera principale che impedisce di mandare a scuola i bambini. Negare ai bambini il diritto all’istruzione significa aumentare la loro fragilità, il loro sfruttamento e l’esposizione a malattie. Significa di fatto contribuire all’aumento delle differenze tra Paesi ricchi e Paesi poveri.

Istruzione è quindi riconosciuta da PACE come il diritto fondamentale di ciascun bambino e come il presupposto essenziale per il suo sviluppo sociale.

Quale scuola supporta P.A.C.E.?

P.A.C.E. collabora con una scuola che ha sede a Kyatiri ‐ Masindi, la “Blessed Damian School” che comprende la “Nursery”, la “Primary School” e la “Secondary School”.  La scuola offre due tipi di ospitalità:

  1. Ospitalità giornaliera degli studenti (“Day Students”) in cui gli alunni frequentano la scuola solo durante il giorno per la durata delle lezioni.
  2. Ospitalità completa degli studenti (“Full Board Students”) in cui gli alunni si trasferiscono a scuola per tutta la durata del periodo scolastico.

Come puoi contribuire tu?

La retta scolastica varia in considerazione dello studente che si decide di sostenere:

  1. Per uno studente “giornaliero” (Day Student) il costo è di 182 euro per anno scolastico (in pratica con 50 centesimi al giorno puoi sostenere uno studente)
  2. Per uno studente che usufruisce anche del vitto e dell’alloggio (Full Board Student) il costo è di 365 euro per anno scolastico (con 1 euro al giorno puoi sostenere uno studente)

Ci teniamo a sottolineare che il sostegno a distanza, una volta assunta la decisione di supportare per un anno uno studente, non ha alcun obbligo giuridico di continuità. Ma è altresì importante sottolineare la valenza affettiva, etica e morale di questa scelta: il tuo sostegno regala ad un ragazzo africano il sogno della scuola. La decisione quindi dovrà essere presa con piena libertà e totale responsabilità.

Se lo desideri, P.A.C.E. ti invierà informazioni dettagliate sul beneficiario, sulla sua vita e anche alcune fotografie. Potrai anche decidere di andare a trovarlo e P.A.C.E. si farà carico della organizzazione del tuo viaggio. Al contrario, potrai decidere di rimanere assolutamente anonimo.

Ricorda infine che tutte le donazioni a favore di questo progetto sono fiscalmente deducibili o detraibili secondo i limiti indicati dalla legge. Conserva la ricevuta originale della tua donazione.

Chi devo contattare qualora decidessi di sostenere un ragazzo a distanza?

Per qualsiasi informazione aggiuntiva o chiarimento (anche senza impegno formale) o per comunicare la tua disponibilità, puoi contattare il responsabile del progetto al seguente numero o indirizzo e‐mail:

Claudia Galimberti: 3485809226; claudia.galimberti116@gmail.com

Il Futuro dell’health center

COMPLETAMENTO DEL REPARTO MATERNITA’ E NUTRITION UNIT: Ristrutturazione e completamento dell’ esistente edificio di Maternità/Neonatologia (attualmente inutilizzabile all’85%) per dare vita ad una struttura con 6 posti letto per le donne in travaglio, una sala parto, 15 letti post-partum per le mamme ed i neonati e una Nutrition Unit per il trattamento dei bimbi malnutriti e il counselling alle madri.La restrutturazione comprenderebbe anche la messa in uso dei servizi igienici per le mamme, presenti ma attualmente non funzionanti.

Costo del Progetto: 15.000 Euro                                                                          Durata: 12 mesi circa

 COSTRUZIONE POZZO: la carenza di pozzi d’acqua in Africa, è uno dei problemi più gravi del continente. Attualmente l’Health Center si serve di un pozzo distante 200 m che serve altre tre strutture adiacenti; la quantità di acqua che arriva ai reparti e agli ambulatori non è pertanto adeguata a garantire le minime norme igieniche. E’ necessario pertanto reperire quanto prima le risorse per costruire un pozzo dedicato esclusivamente al Dispensario.

Quanto costa costruire un pozzo?
Il costo medio per realizzare un pozzo varia da 4.000 ai 6.000 euro. I costi dipendono dal sito in cui viene realizzato e quindi dai costi di trasporto del materiale, dalla profondità dello scavo, dal costo della manodopera e del materiale stesso.

Come puoi contribuire tu?

Puoi partecipare alla costruzione del pozzo con una donazione libera, specificando la causale.

Costo del Progetto: 4.000-6.000 Euro                                                              Durata: 3 mesi circa

ACQUISTO AMBULANZA:  l’attività centrale dell’Health Center, come in tutti I Dispensari dell’Africa,  è l’assistenza alle donne in gravidanza, ma questa non può essere svolta al meglio se non si ha la possibilità di garantire il trasporto verso una Struttura sanitaria complessa, un Ospedale, in caso di complicazioni. Per questo motivo l’acquisto di un Autoveicolo/Ambulanza  diviene mandatorio. L’Autoambulanza (4×4) servirà a: trasferire le donne che necessitino di parto con taglio cesareo o ove si realizzi una circostanza di parto complesso presso l’Ospedale più vicino (30 km); realizzare progetti di “prevenzione primaria delle malattie” (Primary Health Care) nelle aree più distanti dall’Health Center;  a rendere possibile le visite di screening sanitario dell’Ostetrica e dell’Infermiere presso i villaggi più lontani o per quelle donne che, per i più diversi motivi, non possano assentarsi dalle loro capanne per recarsi all’Health Center; trasportare le donne gravide a termine dai Villaggi all’Health Center, nel caso le condizioni cliniche delle stesse lo richiedano; ad implementare le campagne vaccinali per i bambini presso i suddetti Villaggi.

Costo del Progetto: 40.000 Euro   

COSTRUZIONE ABITAZIONI PER INFERMIERI (STAFF HOUSES): attualmente il personale sanitario che lavora presso il Dispensario vive in piccole casupole di fortuna o in stanzette ricavate all’interno del Dispensario, contro ogni norma igienica, dividendo pochi metri con i numerosi figli che caratterizzano le famiglie ugandesi. Obiettivo di P.A.C.E. sarebbe dare dignità e salute a queste famiglie, fornendogli delle piccole ma confortevoli abitazioni, soprattutto in zone adiacenti ma separate dal Dispensario, come vogliono le più basilari norme igieniche.

Costo del Progetto: circa 30.000 Euro                                                                            Durata: 6 mesi

 Vuoi contribuire ai Progetti futuri di P.A.C.E.?

Puoi fare una donazione libera inserendo nella causale, se desideri, il Progetto a cui vuoi destinare il tuo prezioso aiuto. Se rappresenti un’Azienda, un Ente o vuoi essere unico sostenitore di un Progetto, contattaci

UBI Banca – Filiale di Treviglio (BG), Viale Filagno, 11
IBAN: IT59X0311153640000000005849

Progetto agricolo-nutrizionale: dalla terra alla tavola

La malnutrizione, con le sue conseguenze, continua ad essere una delle patologie più gravi e più diffuse nell’Africa sub-sahariana. Quasi metà  della popolazione non ha accesso a cibo in quantità e, soprattutto, varietà adeguate, essendo il consumo di latte e carne ancora molto scarso. Da questi presupposti è nato il Progetto “agricolo-nutrizionale”, intervento integrato che prevede 4 fasi:

1° fase: costruzione di una stalla per bovini, stalla per suini con 10 box, realizzazione di un pollaio per 150-200 galline; aratura e semina campi con cereali, caffè, frutta e verdure.

2° fase: costruzione di una cucina dedicata al Dispensario per la preparazione dei pasti per i Pazienti

3° fase: utilizzo dei prodotti presso la cucina dell’Health Center e, una volta costruita, presso la Nutrition Unit per i bambini affetti da malnutrizione quanti-qualitativa.

4° fase: vendita dei prodotti presso il mercato locale; il ricavato servirà per l’autosostentamento del Dispensario e la riduzione dei fees per i bimbi e le mamme.

Tale progetto determinerà un aumento della disponibilità di cibo, attraverso l’avvio di micro-attività generatrici di reddito in ambiente agricolo, dell’allevamento, della coltivazione e del commercio, in un’ottica di auto-promozione economica e sociale delle persone coinvolte.